Artattiva in collaborazione con la storica compagnia teatrale Pantakin di Venezia organizza un workshop di commedia dell'arte a cura di Michele Modesto Casarin.

PERIODO: 3 e 4 Febbraio 2018
ORARIO: 10.30/13.00 ; 14.30/18.00
DOVE: Presso l'asilo nido Bimbi Ponte, Via Tommaseo 1, Ponte di Piave

Per Iscrizioni e Info: 
Silvia Boccacin 3484986178
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PRESENTAZIONE
La Commedia dell’Arte, base della nostra tradizione, è la radice del teatro europeo e contemporaneo, primo esempio di teatro come professione, è un teatro popolare e colto allo stesso tempo.
Perché avvicinarsi al mondo della Commedia dell’Arte?
Perché attraverso le sue tecniche si possono acquisire duttilità, senso del ritmo e capacità di improvvisazione. È senza dubbio una delle palestre migliori per un attore per affrontare ogni tipo di genere teatrale, anche quelli apparentemente più distanti dalla Commedia.

FINALITÀ DEL LAVORO
La maschera, coprendo l’espressività del volto, costringe l’attore ad un coinvolgimento fisico completo e ad un’amplificazione della gestualità basata sulla massima autenticità e verità del corpo.
L’analisi del movimento e l’improvvisazione sono le due direttrici lungo le quali si articola il workshop, che parte dalla scoperta della maschera come strumento espressivo, studia il suo movimento nello spazio, affronta il gioco teatrale come fonte della follia dell’attore, indaga le urgenze ed i motori dell’azione e ne studia i lazzi.
Saranno affrontati i movimenti, la stilizzazione e il complesso mondo delle maschere all’interno di scene di canovacci. Verranno creati parallelismi tra storie e personaggi della Commedia dell'Arte e storie e personaggi del Teatro, per rafforzare attraverso la tecnica dei comici dell’arte la forza espressiva dei performer dello spettacolo. Ogni personaggio con maschera ha un suo percorso ben preciso nella ricerca di un corpo, di una voce e di gesti extra-quotidiani. Finalità fondamentali di questo workshop saranno quelle di acquisire gli strumenti indispensabili per poter “tracciare” quei codici di espressione essenziali su cui costruire le improvvisazioni che verranno vissute dai nostri personaggi.

ARGOMENTI PROPOSTI
- Tecniche base di recitazione in maschera
- Training fisico ed esercizi ritmici, fisici, vocali e di intonazione
- “Lettura” della maschera (Riconoscere i punti focali)
- Lavoro su spazio, ritmica spaziale e movimenti di entrata e uscita in scena
- Creazione e sviluppo del proprio personaggio
- Stilizzazione storica delle Maschere (Arlecchino, Zanni, Pantalone, Brighella, Dottore, Capitano): movimenti, gesti e recitazione peculiari di ogni personaggio
- Improvvisazioni in maschera, libera invenzione da parte dei partecipanti al corso di brevi scene fra differenti Maschere
- Elaborazione e strutturazione delle improvvisazioni: verso la costruzione di un canovaccio.

DOCENTE: Michele Modesto Casarin
Regista, attore e docente di Commedia dell’Arte. Professionista dal 1991, ha collaborato con i maggiori esponenti della Commedia dell’Arte. Nel ’95 è socio fondatore della compagnia teatrale Pantakin, di cui è anche Direttore artistico del settore Prosa. Dirige con successo numerosi spettacoli: Il Corvo, favola in maschera, riceve il premio Agis “Leoncino d’oro” come migliore spettacolo al 38. Festival Internazionale di Teatro de La Biennale di Venezia e Villan People, la solita mala storia, gli vale nel 2014 il Premio Fersen per la Regia. È inoltre docente di Commedia dell’Arte e tra i fondatori dell’Accademia Teatrale Veneta. Conduce laboratori e spettacoli in Italia e in diversi Stati del mondo.