Spettacolo realizzato grazie all'inserimento all’interno del progetto Shakespeare in and beyond the Ghetto,
ideato dall’Università Ca' Foscari di Venezia in collaborazione con, Istituto per il Teatro e il Melodramma Fondazione
Giorgio Cini, la Queen Mary University of London, la Ludwig-Maximilians-Universität München, la University Of
Warwick e il Teatrul Municipal Tony Bulandra Targoviste, all’interno del programma CREATIVE EUROPE 
promosso della Comunità Europea.


L'ultimo Arlecchino

 

Ovvero LA STORIA DEI TRE SCRIGNI

regia di Michele Modesto Casarin
 
Miriam Russo: Cordelia Basile, giovane attrice
Eros Emmanuil Papadakis: Ferdinando De Luca, giovane attore
M. M. Casarin: Folco Bertinazzi, ultimo discendente di Carlo Bertinazzi
 
Assistente alla regia : Matteo Campagnol 
Maschere: Stefano Perocco di Meduna
Costumi: Caterina Volpato, Licia Lucchese
Scene: Pantakin Commedia
Organizzazione: Emanuele Pasqualini

Lo Spettacolo

Teatro di provincia, un vecchio e stanco Folco Bertinazzi, ultimo discendente di Carlo Antonio Bertinazzi (1710 - 1783) celebre Arlecchino del Théatre de la Comédie Italienne di Parigi, si sta preparando per lo spettacolo della sera, quando viene interrotto da due giovani attori che insoddisfatti del teatro standard e della sperimentazione alla moda, vogliono andare alle radici della Commedia dell'arte, imparare da lui l’arte della commedia e l’uso della maschera…. ma cosa li spinge, qual è il motore che muove la loro determinazione?

Le vite dei tre personaggi come fossero “i tre scrigni” protagonisti nel Mercante di Venezia, l’opera di Shakespeare ambientata a Venezia, diventano la struttura della commedia, tre scatole cinesi che contengono tre storie. La storia di Folco il vecchio maestro sembra la linea guida: l'oro, la vera arte calpestata dalle mode, dalla visibilità televisiva o politica. Ma quella è solo una porta: giungiamo alla storia d’argento della giovane Cordelia, ebrea che ha subito discriminazioni e che ci ricorda Jessica, la figlia di Shylock, ma anche lo scrigno d'argento non è che un nodo della vicenda che ci porta a quello di piombo: Ferdinando, quello che sembra il meno prezioso e il meno tormentato, in realtà è colui che affronta le discriminazioni più dolorose a causa di problemi che si credono o si fingono, superati: quelli relativi al genere e alla sessualità, che muovono forze profonde negli esseri umani.

Il mercante di Venezia, e la sua connessione con la Commedia dell'arte, diventano così pretesto per esplorare queste storie, nella convinzione che il teatro può volgere in commedia anche le piccole tragedie quotidiane grazie alla forza comica e dissacrante delle maschere.

 

Questo nuovo progetto di Pantakin Commedia vede collaborare insieme, ancora una volta, “due vecchi poeti” del teatro, Andrea Pennacchi per la scrittura e Michele Modesto Casarin per la regia. Questi due compagni d’avventura del teatro comico, ci condurranno in un viaggio che incrocia le radici profonde dell’arte poetica Shakespeariana con la leggerezza e a volte la trivialità della Commedia dell’Arte. Due mondi solo apparentemente distanti ma che in realtà, come ci faranno scoprire gli autori, sono uniti da legami indissolubili.

 

Lo spettacolo è stato realizzato grazie all'inserimento all’interno del progetto Shakespeare in and beyond the Ghetto, ideato dall’Università Ca' Foscari di Venezia in collaborazione con, Istituto per il Teatro e il Melodramma Fondazione Giorgio Cini, la Queen Mary University of London, la Ludwig-Maximilians-Universität München, la University Of Warwick e il Teatrul Municipal Tony Bulandra Targoviste, all’interno del programma CREATIVE EUROPE promosso della Comunità Europea.

A seguito del LABORATORIO SHYLOCK DOPO SHYLOCK, realizzato a novembre 2016 presso l'Istituto del Teatro a del Melodramma nell'Isola di San Giorgio, sono stati selezionati due attori professionisti per la produzione. Grazie alla collaborazione con l'Università di Cà Foscari lo spettacolo, dopo un periodo di residenza, sarà presentato in forma di “prova aperta” nel mese di Maggio 2017 presso il Teatro Universitario di Ca' Foscari a Santa Marta, Venezia.

 

 


SPETTACOLI DI COMMEDIA
HOME